I vincitori della 4° edizione del Premio Marincovich 2013

SEZIONE ARTICOLI CULTURA MARE

1° classificato: GIULIANO DA FRÉ per l’articoloGuano e cannonipubblicato su RID.

2° classificata: LILLA MARIOTTI per l’articolo I fari e la loro evoluzione – parte I e parte IIpubblicato su Saphira.

SEZIONE ARTICOLI NAVIGAZIONE

1° classificato: GIOVANNI PANELLA per l’articolo Vita di bordo, spazi e classi socialipubblicato su Rivista Marittima.

2° classificato: MICHELE TOGNOZZI per l’articolo Chiamiamole emozionipubblicato su Fare Vela.

SEZIONE LIBRI – SAGGISTICA
1° classificato:

Quando ho ricevuto dalla Segreteria del Premio la classifica della 4°edizione, ho avuto un moto di piacevole sorpresa. Dovete sapere che per una forma di etica, per una norma non scritta in nessuna linea guida del Premio, durante il periodo di lettura, di valutazione dei testi, tra noi giurati non si parla , non si commentano i lavori. L’intento è di non essere influenzati.

La composizione della Giuria è apparentemente molto eterogenea, – per quanto molti di noi , pur con origini, provenienze, storie diverse, ma tutti con la stessa passione per il Mare, magari differentemente declinata, ci si conosce “da una vita”, – il giudizio, come in questo caso è spesso molto omogeneo .

A conferma di ciò , Irresistibile Nord , che fin dalla prima lettura mi aveva entusiasmato, ma che ritenevo poco “papabile” perché molto particolare, ha convinto anche la maggioranza degli altri giurati.

Non era quindi solo una mia “recente passione” legata per motivi professionali alla navigazione in acque fredde, ma un meritato tributo ad Andrea di Robilant che ha saputo rendere un “saggio storico/geografico” appassionante come e più di un romanzo .

Irresistibile Nord è la storia , molto ben scritta, viva, di una ricerca della verità riguardante il viaggio dei fratelli Zen , veneziani della fine del XIV secolo.

Nel corso dei secoli il viaggio dei fratelli Zen è stato messo in dubbio, addirittura si è sospettato che il libro, le memorie , fossero un falso clamoroso.

Il Saggio è la storia di un viaggio iniziato nella Biblioteca Marciana di Venezia dove Andrea Di Robilant, incuriosito, si mette sulle tracce dei fratelli Zen , confrontando fonti, ma anche compiendo viaggi nel nord del nostro emisfero.

E’ infatti soprattutto una ricerca sul campo fatta di contatti con curatori di archivi inglesi, visite a rovine di monasteri, castelli nelle Shetland. Una avventura molto ben raccontata.

Irresistibile Nord è infatti un avvincente racconto sul metodo di indagine, ma anche un ulteriore conferma sull’importanza delle passioni , dei sentimenti che sono da sempre il principale stimolo al sapere. La bibliografia consultata da Di Robilant – che spazia nell’arco di quattro secoli – occupa ben 11 pagine del volume ed è un “pericoloso” invito a voler approfondire ulteriormente.

Un suggerimento per una piacevole lettura “multimediale”: ho letto Irresistibile Nord seguendo gli spostamenti , le descrizioni su Google Earth: Shetland, Orcadi, Faroer, Groenlandia… . Credetemi: diventa una lettura doppiamente coinvolgente.

Sergio Abrami

2° classificato:

“Storia della baleneria” è un bel libro, un saggio completo, approfondito, interessante e pieno di curiosità stimolanti. Spazia dalla storia naturale alla narrazione della caccia alla balena, dai tempi più remoti ad oggi. E’ ricco di illustrazioni preziose e di riferimenti colti. Un saggio che si legge come un romanzo.

Massimo Gregori

SEZIONE LIBRI – NARRATIVA

1° classificato:

Luca Goldoni è un professionista della scrittura che ha un curriculum straordinario. Il suo libro è molto bello, lieve eppure salace. Come sempre Goldoni sa cogliere gli atteggiamenti e le situazioni che tutti vediamo ma che non abbiamo la capacità di razionalizzare, men che meno di mettere su carta. Da Milano Marittima all’Atlantico l’autore ci rapisce con una serie di brevi elzeviri che narrano storie diverse eppure legate tra loro con tanta capacità da far desiderare al lettore di continuare a leggere per vedere come andrà a finire.

Massimo Gregori

2° classificato:

Il sogno spezzato di Vittorio Fresi – Edizione Nutrimenti

Analizzando questo libro con un po’ di concretezza e soprattutto tenendo conto del titolo, i protagonisti raccontano in modo realistico la storia di una impresa non riuscita, di un “sogno spezzato”, appunto. Un figlio e un padre che sfidano gli oceani tra burrasche e sterminate distese d’acqua e poi, dopo duecentotredici giorni di navigazione nel tentativo di giro del mondo senza scalo su una barca di serie, naufragano nel mezzo del Pacifico e vengono salvati da una superpetroliera filippina. Eppure non si ha la sensazione che l’impresa non sia riuscita, la vittoria contro il mare bellicoso dei mitici 40 ruggenti c’è ed è quotidiana, sembra di sentirle le onde alte come palazzi scaraventarsi sulla loro barca, sembra di vederlo il mare color acciaio attraverso gli oblò. Vittorio e Pietro Fresi tra il 2008 e il 2009 a bordo dell’amata Onitron I hanno seguito la rotta dei clipper e con la forza umana vitale e profonda che può legare solo un padre e un figlio hanno dovuto desistere a causa di un’onda gigantesca nel Pacifico meridionale e il loro salvataggio è un’impresa mozzafiato, raccontata con garbo e passione, la cui riuscita ha sapore di miracolo. Forse per questo il finale è più avvincente di un arrivo in porto salutati da cori e sirene, c’è nel recupero di Onitron tutta l’imprevedibilità delle cose umane, che per mare è ancora più grande e sorprendente.

Elisabetta Strickland

SEZIONE LIBRI JUNIOR
1° classificato:

Il tesoro del polpo zoppo di Ferruccio Perazzoli – Mursia

Una storia avvincente e appassionante che ne contiene tante altre, fino a svelare un segreto ancora celato ai giorni nostri.

Un nonno che racconta una storia di vascelli fantasma, di pirati alla ricerca di tesori, di streghe e pescatori. Il libro è in concorso nella sezione per ragazzi, ma non stonerebbe nella sezione “narrativa”. Il racconto è poetico ed incalzante, la storia ben costruita, il finale non scontato. Davvero un bel libro.

Patrizia Melani Marincovich

PREMIO SPECIALE CULTURA DEL MARE

Le 100 perle del mare italiano di Donatella Bianchi – Rai Eri/Rizzoli

Dalla sua esperienza di “giramondo” per spiagge, scogliere e borghi della nostra bella penisola, Donatella Bianchi è riuscita a tradurre in parole le splendide immagini girate per Linea blù, la trasmissione televisiva tanto amata da Carlo. Il sabato pomeriggio, quando eravamo a Roma, io andavo solitamente dal parrucchiere e lasciavo Carlo davanti alla TV a godersi il suo mare… E se rimanevo a casa, guai interromperlo con futili domande. La concentrazione era massima. Solo per questo motivo, Donatella meriterebbe 100 premi, tanti quanti le sue 100 Perle. Ogni perla, scelta con cura, è un compendio di storia, cultura e indicazioni utili. Un atto d’amore nei confronti del nostro mare più bello. Unico appunto? Manca una perla della costa abruzzese e forse questo a Carlo sarebbe dispiaciuto perché lui, a quella costa, in quel mare dove da ragazzino aveva cominciato ad andare a vela, era proprio affezionato.

Patrizia Melani Marincovich

PREMIO SPECIALE ALLA SOLIDARIETÀ IN MARE

Quella notte al Giglio di Cristiano Pellegrini – Edizioni Effigi

Il libro racconta la reazione immediata degli 800 abitanti del Giglio, a cominciare dal suo sindaco Sergio Ortelli, all’improvvisa emergenza del Concordia. Un piccolo instant book ricco di generosità, di accoglienza e di spirito organizzativo.

Patrizia Melani Marincovich

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *